Dove mangiare?
3 indirizzi dove fermarsi alla stazione Termini

3 indirizzi dove fermarsi alla stazione Termini

Se siete di passaggio a Roma, e cercate un buon posto dove mangiare prima di prendere il treno, ecco una selezione di tre indirizzi dove concedersi una sosta gourmande alla stazione di Termini.

Mignon alle Mura

L’atrio di ingresso della stazione Termini ospita da pochi giorni una nuova caffetteria-pasticceria: Mignon alle Mura, uno spazio destinato al gusto per la colazione, il pranzo o un semplice aperitivo.

La mattina si prende il via dalle 6:30 con la colazione tra croissant, sfogliatella, pasticciotto e altri classici della tradizione napoletana, accanto ad alcune proposte vegane. Spazio anche per la piccola pasticceria all’italiana con code d’aragosta, cannoli, bignè e babà, da poter degustare con un ottimo caffè Mogi, centrifughe o spremute.

L’ora di pranzo è caratterizzata dalle proposte salate con tramezzini, panini, pinse e insalate con le immancabili versioni vegetariane.

Il team di Mignon alle Mura è tutto al femminile, guidato da Maria Acquaviva (CEO), Roberta Virgilio (Brand Manager) e Alessandra Iasiello (Pastry Chef).

Per saperne di più: link

Open Colonna Bistrò

All’interno degli spazi della Stazione Termini, nell‘ala Mazzoniana, sul lato di via Giolitti, lo spazio di Antonello Colonna, realizzato con Chef Express (Gruppo Cremonini). Uno spazio riservato, aperto 7 giorni su 7, per garantirvi un momento fuori dalla frenesia della stazione.

Il locale apre dalle ore 11:30 alle 16:00 per un pranzo veloce con un menu à la carte che rispecchia la tradizione romana reinterpretata e altre specialità italiane. Fulcro della proposta sono i “Romanissimi“, gli iconici primi piatti romani.

A partire dalle ore 16:00 fino alle 21:00, il ristorante si trasforma in lounge e propone cocktail e stuzzicante proposte per l’aperitivo serale.

Per saperne di più, link.

Locanda di Stazione (Mercato Centrale)

Prossima fermata bontà. Situato al primo piano del Mercato Centrale, si trova la Locanda di Stazione. L’idea del giovane ristoratore, Giovanni Alferini Bertugno, è quella di richiamare l’immaginario nostalgico delle trattorie di un tempo. Una locanda come una volta e una proposta di miscelazione all’italiana.

Il menu è un viaggio tra i sapori della penisola, come fermate di un treno del gusto che si muove tra le eccellenze italiane. Piatti tradizionali classici, genuini come se foste a casa della nonna.

Per saperne di più, link.

Spread the love